Le 7 grandi rivalità di Michael Schumacher

michael schumacher
foto da scuderiafans.com

Nel giorno del suo 52esimo compleanno, ripercorriamo le rivalità più entusiasmanti di Michael Schumacher.

michael schumacher
foto da scuderiafans.com

Michael Schumacher: un nome che è sinonimo di vittoria, di titoli di mondiali e, naturalmente, di Ferrari. Ben 91 vittorie in carriera, ottenute contro grandi rivali di epoche diverse. Sono tante le rivalità che hanno accompagnato la sua carriera, perché nessun campione è diventato leggenda senza aver battuto un grande rivale.

michael schumacher

1) Ayrton Senna. Michael Schumacher
Ayrton è stato il primo grande avversario di uno Schumi molto giovane e forse anche un pochino insolente. È passato alla storia l’episodio al Gp di Francia ’92: Michael sbaglia la frenata e urta Senna costringendolo al ritiro. La gara si ferma e in attesa della ripartenza Ayrton, già in abiti borghesi, va a redarguire in mondovisione il giovane tedesco. Il campione brasiliano redarguisce il giovanissimo tedesco il suo comportamento in pista e per le dichiarazioni rilasciate alla stampa. La morte prematura del brasiliano nel 1994 ha messo fine al confronto fra queste due leggende della Formula 1, una rivalità contraddistinta dal profondo rispetto che Michael nutriva per Senna.

2) Damon Hill.
Dopo la morte di Senna, nel 1994, Schumacher era certamente il favorito nella corsa al titolo. Damon Hill emerse quale unico rivale, riuscendo a recuperare diversi punti grazie anche ad alcune squalifiche comminate al tedesco, che in quel momento guidava la classifica. La resa dei conti ebbe luogo nell’ultima gara dell’anno in Australia, ad Adelaide, dove Schumi e Hill si ritirarono entrambi in seguito a un controverso incidente che decretò Michael campione del mondo. La stagione ’95 vide ancora Schumacher aggiudicarsi il mondiale, ma Hill ebbe la sua rivincita nel 1996. Michael Schumacher

michael schumacher

3) Mika Hakkinen.
Rivali in pista quanto amici fuori dai tracciati. Impossibile dimenticare i duelli infuocati che hanno infiammato gli anni a cavallo dell’inizio di questo millennio. Il confronto sempre rispettoso con Hakkinen, ha avuto quale momento emblematico il sorpasso di Spa 2000. Sul lungo il rettilineo del Kemmel, Mika riuscì a sfruttare il doppiaggio in contemporanea di Zonta per superare il tedesco. Un sorpasso epico, proprio come la loro rivalità. Michael Schumacher

michael schumacher

4) Jacques Villeneuve.
Non è un mistero che tra questi due non ci sia mai stata una grande simpatia reciproca e anzi, numerosi furono gli attacchi, anche per mezzo stampa. Con Jacques, il Kaiser subì una pesante sconfitta: l’incidente di Jerez ’97 resterà infatti negli annali come il disperato (e per molti anche scorretto) tentativo di Michael di vincere il suo primo titolo in Ferrari.

5) Fernando Alonso
Fu lo stesso Fernando ad affermare che il suo più grande rivale sia stato Michael: “Quelle battaglie in pista erano le più eccitanti“. Due leoni che per diversi anni combatterono nella stessa gabbia, sempre al limite ma con reciproco rispetto. Degni di nota sono il duello infinito a Imola 2005, in cui Alonso riuscì a tenere a bada il Kaiser per una serie interminabile di giri, e il sorpasso opportunista ai danni dello spagnolo che Schumacher compì alla ripartenza nelle battute finali del GP di Monaco 2010.

fanta f1

6) Kimi Raikkonen.
Una rivalità che inizia nel 2003, quando il giovane Kimi contende il titolo a Schumacher sino all’ultima gara. L’ultimo sorpasso di Michael in Ferrari fu proprio ai danni di Raikkonen. Una sorta di passaggio del testimone visto che in seguito al ritiro del tedesco sarà proprio il finlandese a prenderne il posto al volante della rossa di Maranello. Iceman riuscirà subito ad omaggiare i tifosi e lo stesso Michael con il mondiale piloti nel 2007.

7) Ralf Schumacher
Affrontare i piloti più forti del mondo non è per tutti, ma trovarsi a battagliare col proprio fratello nella massima serie è davvero tosta! Famosi i duelli del Canada 2001 e Spagna 2003, anche se il loro confronto diretto non durerà per molto, complici anche le scarse performance delle vetture guidate da Ralf, specie nei sui ultimi anni, trascorsi in Toyota.

Ferrari, 1000 Gp e 27 assenze: ecco perchè

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*