Addio alcoltest, la nuova legge è già storica: sarà facilissimo condannarti

Una nuova decisione cambia le carte in tavola per quanto riguarda l’alcoltest: sanzionare sarà più facile. Cosa devi sapere

La guida in stato di ebbrezza è purtroppo ancora oggi una delle cause maggiori di incidenti stradali. Nonostante i rischi ben noti sono ancora tantissimi coloro che mettono a repentaglio la loro vita e quella degli altri utenti della strada mettendosi alla guida del proprio veicolo dopo aver consumato una grande quantità di alcol.

addio alcoltest nuova legge
L’alcoltest non sarà più obbligatorio (Flopgear)

Le normative proprio per questo sono sempre meno permissive e negli ultimi ultimi anni la morsa si è stretta in modo importante: il tasso alcolemico consentito dalla legge è sempre più basso e le sanzioni più pesanti. Per verificare che tutti rispettino i limiti stabiliti e sanzionare eventuali infrazioni, gli automobilisti fermati dalle forze dell’ordine vengono sottoposti all’alcoltest, che rileva l’eventuale presenza di alcol nell’organismo. Adesso però le cose potrebbero ulteriormente evolversi, e venire ritenuti colpevoli di guida in stato di ebbrezza ed essere sanzionati diventerà ancora più immediato.

Alcoltest, la nuova legge cambia le carte in tavola

L’ultima decisione della Corte di cassazione renderà l’accertamento (e di conseguenza la successiva sanzione) della guida in stato di ebbrezza ancora più immediati. Secondo il parere espresso nella sentenza infatti non sarà infatti più necessario attendere l’esito dell’alcol test per determinare se un automobilista è stato fermato mentre era alla guida dopo un eccessivo consumo di bevande alcoliche.

alcoltest nuova legge
Guida in stato di ebbrezza anche senzo alcoltest (AnsaFoto) – Flopgear

Basterà infatti che gli agenti sentano l’odore dell’alcol o notino una non lucidità e non idoneità al mettersi al volante chiaramente dovuta ad uno stato di ubriachezza per determinare il superamento del limite del tasso alcolemico previsto dalla legge. L’esame obbiettivo e sintomatico, ovviamente accuratamente motivato, insomma avrà un ruolo ancora più centrale. “L’accertamento della concentrazione alcolica può avvenire in base ad elementi sintomatici” si legge nella sentenza della Cassazione che ha respinto il ricorso di un automobilista di Brescia, aprendo a nuovi scenari e a una vera e propria svolta per quanto riguarda il Codice della Strada.

Questo non significa certo che l’alcoltest vedrà ridimensionata la sua importanza, né che verrà limitato il suo utilizzo o che verrà sostituito. Continuerà a restare centrale nella battaglia alla guida sotto l’effetto di alcol. Gli agenti avranno però un’importante tutela in più, soprattutto in caso di difficoltà nello svolgere il test, per riuscire a garantire la totale sicurezza degli utenti della strada.

Impostazioni privacy