Auto elettriche: c’è un altro problema: ora il settore trema

Sono diversi i punti che stanno limitando la vendita delle auto elettriche e ora ne è sorto un altro davvero catastrofico.

Per poter fare in modo che le automobili elettriche possano diventare sempre più comuni in tutto il mondo è necessario che queste subiscano una serie di migliorie. Non si può negare come queste siano il futuro e saranno delle vetture che permetteranno di muoversi nelle città in modo ecologico e a impatto zero.

Auto elettriche problemi vetture deprezzamento
Duro colpo per le auto elettriche (Canva – flopgear.it)

Tante volte però le buone intenzioni da sole non bastano, tanto è vero che sono tantissimi i problemi da un punto di vista pratico. Per prima cosa infatti siamo di fronte a delle vetture che presentano un costo di vendita altamente superiore rispetto alle classiche vetture termiche, spesso e volentieri ci sono oltre 10 mila Euro di differenza per lo stesso modello.

In secondo luogo non si può nascondere il fatto che queste vetture sono altamente limitanti nella durata della batteria. Proprio questo è forse l’aspetto più problematico, considerando infatti come l’automobilista sia costretto a una serie continua di ricariche, il che comporta una ingente perdita di tempo.

Sappiamo infatti come la ricarica della batteria non ha di certo la stessa tempistica del pieno di benzina o di gasolio. Per questo motivo solo il 4% delle vetture vendute nel 2023 in Italia è stato elettrico. A quanto pare però non sono solo questi i problemi che sono legati alle vetture elettriche, visto come uno studio ne ha evidenziato un altro decisamente grave.

Auto elettriche: incredibile deprezzamento

A quanto pare non si tratta solo di un problema legato nell’immediato, ma anche nel corso degli anni le auto elettriche non sono n grado di tenere alto il proprio livello prestazionale. Bisogna specificare come tutte le vetture dopo un po’ di chilometri presentano i primi problemi, ma uno studio riportato da El Pais, dimostra come i veicoli a impatto zero sono quelli che si deteriorano maggiormente.

Auto elettriche problemi vetture deprezzamento
Auto elettrica, nuovi problemi (Canva – flopgear.it)

Per valutare quali sia il reale deprezzamento delle automobili sono state scelte tutte le varie vetture, da quelle a benzina a gasolio, passando per le ibride, le plug-in e le elettriche. Tutte quanto dovevano avere lo stesso chilometraggio attorno ai 60 mila km, con l’eccezione per i diesel che sono state scelte da 90 mila km.

Le vetture che riescono a mantenere il prezzo più elevato dopo tre anni sono le ibride, che battono quelle a benzina per poco più di un punto percentuale, ovvero 72,6% contro 71,5%. Molto simile anche il valore delle vetture a gasolio, con il prezzo che rimane attorno al 67,6% del costo di partenza e le plug-in che sono attorno a 66,5%. Sono dunque solo 6,1 i punti percentuali di differenza tra queste vetture, ma quelle a impatto zero crollano al 52,9%.

Il risultato per le auto elettriche risulta essere una vera e propria Caporetto che si ritrovano a quasi venti punti percentuali in meno rispetto alle ibride. La motivazione principale è legata al deterioramento delle batterie, con questo che dipende anche dallo stile di guida e da come sono avvenute le ricariche da parte del precedente proprietario. Anche questo è uno dei tanti aspetti che si dovranno migliorare per le vetture elettriche.

Impostazioni privacy