La Ferrari comincia a tremare: dalla Cina la nuova supercar dall’accelerazione paurosa

Dalla Cina un’auto sportiva con prestazioni da urlo. Ha un prezzo davvero conveniente e dotazioni all’avanguardia

Quando si parla di auto cinesi ci si immagina spesso prodotti low cost e di qualità non particolarmente elevata. Niente di più sbagliato. Pur potendo effettivamente offrire veicoli a prezzo contenuto, la fattura è di ottimo livello e lo dimostra la realizzazione di modelli altamente prestazione, contraddistinti anche da un notevole impatto estetico.

Ora Mecha Dragon supercar cinese caratteristiche
Dalla Cina in arrivo un altro bolide elettrico con prestazioni notevoli – Flopgear.it

Uno dei più recenti lo ha realizzato la Great Wall Motor che con la Ora Mecha Dragon ha veramente alzato l’asticella. Sebbene le vendite del Gruppo non stiano andando particolarmente bene, con un calo del 28,94% registrato a febbraio rispetto allo stesso periodo del 2023, l’azienda guidata dall’amministratore delegato Wen Fei ha deciso di riprovarci con un’automobile davvero interessante.

La vettura del Paese del Dragone non è, tuttavia, una novità assoluta. Era stata già infatti presentata con il nome Star in occasione dell’Auto Show di Guangzhou nel 2021. Allora riuscì ad attrarre l’attenzione dei media e degli addetti ai lavori per merito delle sue dotazioni di base che prevedevano tra le altre cose una guida assistita di livello 2. Mai andata in produzione, dopo un lungo periodo di silenzio torna adesso a popolare le cronache di settore con una nuova denominazione e con il ruolo di competitor della Ferrari.

La Cina sfida la Ferrari, l’accelerazione è pazzesca

La Ora Mecha Dragon è una berlina elettrica, come più o meno tutti i veicoli cinesi di recente rilascio, con alcuni elementi che ricordano una vettura a motore endotermico, come le prese d’aria sul cofano anteriore o i tubi di scarico nel retro treno. A colpire è l’aggressività del frontale impreziosito da vistosi fari LED, dalle forme squadrate. Il cofano sfoggia una linea diretta verso il basso. Posteriormente si nota l’assenza del paraurti mentre colpiscono i montanti del diffusore in prossimità dell’apertura del bagagliaio.

Aprendo le portiere sul cruscotto emerge un maxi schermo e sulla console centrale si evidenziano due prese d’aria con pulsanti fisici rotativi. Non ci sono ancora certezze, ma dovrebbe essere prevista l’integrazione di un sistema di guida intelligente a marchio Momenta e Huawei.

Ora Mecha Dragon caratteristiche supercar cinese
La Ora Mecha Dragon ha un’accelerazione portentosa – Flopgear.it

Equipaggiato con trazione integrale a doppio motore, il bolide è in grado di scaricare sull’asfalto 544 cv e 763 Nm di coppia, con un passaggio da zero a cento km/h compiuto in soli tre secondi. Le pinze sono della Brembo e gli ammortizzatori regolabili della CDC.

Grazie alla batteria da 115 kWh ci si può spingere per 802 km (secondo il ciclo cinese)  prima di doversi attaccare alla colonnina di ricarica. Non vi è ancora certezza sulla tecnologia di ricaric, ma dovrebbe aggirarsi sugli 800 volt, con potenza di 480 kW.

Infine l’annotazione sul prezzo. Ad oggi non è stato ancora reso noto in maniera ufficiale ma dovrebbe essere attorno ai 62mila euro. Nulla comparato ad una supercar dei marchi più blasonati ma certamente più costosa di una proposta analoga di realizzazione Geely (altro marchio cinese), la cui Zeekr 001 è sul mercato a 41.800 euro.

Impostazioni privacy