Non solo GS: l’ultima due ruote di BMW è 100% elettrica, a breve nei concessionari

La BMW si appresta a debuttare in un ambito per lei inedito. Il motore sarà elettrico. Ecco tutti i segreti del nuovo progetto.

Quando si nomina il marchio BMW è impossibile non pensare ad auto e moto, e forse a qualcosa di più. Sì perché l’azienda fondata nel 1917 a Monaco di Baviera era nata con l’intento di produrre motori aeronautici e solo in un secondo momento si è spostata nell’ambito della mobilità, riuscendo presto a diventare una delle Case più importanti del settore.

BMW, novità
BMW debutta in un nuovo settore (Pixabay) – Flopgear.it

Dagli aeri di caccia, alle due e quattro ruote per i più comuni spostamenti quotidiani il passo è stato dunque non particolarmente lungo o impegnativo. Non stupisce dunque che il brand tedesco abbia accettato di buttarsi in un’altra impresa cominciando a realizzare mezzi per lei assolutamente inediti. Un salto nel vuoto? Relativamente, visto che non ha fatto altro che adeguarsi a molti altri competitor che già si sono lanciati nell’avventura.

BMW cambia target, ecco cosa farà adesso

Come facilmente immaginabile l’area in cui si è appena inserito il produttore bavarese è quello della micromobilità, in particolare quella a zero emissioni che, come noto, oggi permette di farsi pubblicità e incrementare gli introiti.

Presentato ufficialmente come un “veicolo elettrico di dimensioni ridotte”, spicca dai disegni diffusi per il volume delle ruote, maggiore rispetto al consueto. Tra le peculiarità figura anche che è pieghevole nella parte posteriore, così da rendere le proporzioni più compatte. Stando sempre ai documenti rilasciati dovrebbe essere presente un secondo secondo asse davanti alla ruota dietro, per agevolare il ribaltamento della stessa al centro dello chassis, il tutto con l’obiettivo di implementarne la portabilità una volta chiuso.

Per quanto concerne il telaio questo è composto da una sottile pedana, mentre il manubrio spicca per essere molto alto e diviso in due parti in modo da avvolgere la ruota posteriore quando viene trasportato. Guardando al motore lo si può trovare sulla ruota anteriore. Da indiscrezioni dovrebbero avere una potenza entro i 500 watt, o comunque non oltre i 1400. Il 60% della potenza dovrebbe servire per l’autobilanciamento.

Sempre secondo le poche informazioni finora diffuse la velocità massima dovrebbe attestarsi sui 20 km/h, mentre brutte notizie giungono a proposito del peso, questo soprattutto per chi il monopattino lo usa per andare a lavoro/scuola e lo deve caricare su treni o bus, piuttosto che portarlo sulle scale. A causa del complesso propulsore, dovremmo infatti essere nell’ordine dei 55 kg.

BMW monopattino, novità
La BMW brevetta un monopattino innovativo (BMW) -Flopgear.it

Se all’inizio abbiamo detto che mai BMW aveva realizzato un mezzo di questa tipologia va tuttavia fatta una precisazione. In realtà nel 2019 la compagnia aveva collaborato con la Micro per la produzione di un monopattino sempre full electric, provvisto di un’unità da 150 W e dal peso piuma di 9 kg, quindi decisamente più agevole rispetto a quello attualmente in fase di sviluppo. Complessivamente, dunque, si trattava di un dispositivo dalle fattezze più comuni e tra l’altro non progettato internamente all’azienda. Per quanto riguarda la data dell’effettiva messa in commercio o il suo prezzo, non vi sono dettagli.

Impostazioni privacy